Come In! | Evento
525
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-525,bridge-core-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.0.4,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive
Centro storico di Forlì

Come In! Forlì è un evento di comunità che racconta il patrimonio architettonico e culturale della città di Forlì attraverso il coinvolgimento dei cittadini che abitano e vivono questi luoghi, a volte senza conoscerli.


Scopriremo ed entreremo in questi luoghi e conosceremo le comunità che vi abitano.

data da definire

Centro storico di Forlì

Come In! Forlì è un evento di comunità che racconta il patrimonio architettonico e culturale della città di Forlì attraverso il coinvolgimento dei cittadini che abitano e vivono questi luoghi, a volte senza conoscerli.


Scopriremo ed entreremo in questi luoghi e conosceremo le comunità che vi abitano.

Luoghi del festival

La prima edizione del festival si svolge il 17 – 18 aprile 2021 e si concentra sui luoghi costruiti durante le due guerre nella città di Forlì ed in particolare sulle abitazioni private e pubbliche: villini, abitazioni e case popolari.

Comunità coinvolte

Come In! si propone a Forlì è costruire un festival che permetta di conoscere il patrimonio storico-architettonico locale attraverso il coinvolgimento dei cittadini ed in particolare di fasce sociali vulnerabili, come anziani o giovani, abitanti di case popolari, stimolando inclusione sociale e un senso di comunità più forte, che renda tutti più responsabili ed attivi verso il proprio territorio.

Fra le realtà coinvolte:
Associazioni
Studenti
Proprietà
Volontari
Abitanti
Visitatori

Perchè Come in! Forlì

Raccontare un patrimonio dissonante di Forlì attraverso il coinvolgimento delle comunità che abitano e vivono questi luoghi (comunità stranieri, anziani, studenti, abitanti case popolari, ecc.) rafforzando in loro il senso di appartenenza e il senso di comunità;


mettere a sistema la ricerca e le competenze che la città e le realtà culturali del territorio hanno già sul patrimonio del ‘900 e metterle a disposizione delle comunità;


creare un modello di evento di comunità che possa essere poi replicato.