Come In! | Evento
525
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-525,bridge-core-1.0.2,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.0.4,qode-theme-bridge,disabled_footer_top,disabled_footer_bottom,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

9-10 Maggio

Centro storico di Forlì

Come In! Forlì è un evento di comunità che racconta il patrimonio architettonico e culturale della città di Forlì attraverso il coinvolgimento dei cittadini che abitano e vivono questi luoghi, a volte senza conoscerli.


Scopriremo ed entreremo in questi luoghi e conosceremo le comunità che vi abitano.

9-10 Maggio

Centro storico di Forlì

Come In! Forlì è un evento di comunità che racconta il patrimonio architettonico e culturale della città di Forlì attraverso il coinvolgimento dei cittadini che abitano e vivono questi luoghi, a volte senza conoscerli.


Scopriremo ed entreremo in questi luoghi e conosceremo le comunità che vi abitano.

Luoghi del festival

L’edizione 2020 del festival si concentra sui luoghi costruiti durante le due guerre nella città di Forlì ed in particolare sulle abitazioni private e pubbliche: villini, abitazioni e case popolari.

Comunità coinvolte

Come In! si propone a Forlì è costruire un festival che permetta di conoscere il patrimonio storico-architettonico locale attraverso il coinvolgimento dei cittadini ed in particolare di fasce sociali vulnerabili, come anziani o giovani, abitanti di case popolari, stimolando inclusione sociale e un senso di comunità più forte, che renda tutti più responsabili ed attivi verso il proprio territorio.

Fra le realtà coinvolte:
Associazioni
Studenti
Proprietà
Volontari
Abitanti
Visitatori

Perchè Come in! Forlì

Raccontare un patrimonio dissonante di Forlì attraverso il coinvolgimento delle comunità che abitano e vivono questi luoghi (comunità stranieri, anziani, studenti, abitanti case popolari, ecc.) rafforzando in loro il senso di appartenenza e il senso di comunità;


mettere a sistema la ricerca e le competenze che la città e le realtà culturali del territorio hanno già sul patrimonio del ‘900 e metterle a disposizione delle comunità;


creare un modello di evento di comunità che possa essere poi replicato.